dgNet

Chiedetevi perché gli utenti prenotano un Hotel da dispositivi mobili?

dgNet

   info@dgnet.it         055 58 16 30

 

Conversioni

Da dispositivi mobili

Tratto dal sito BOOKINGBLOG

Certo, le conversioni sono importanti, ma non sono l’unico scopo da perseguire via mobile.

Per ogni canale marketing e distributivo è fondamentale, prima di stabilire gli obiettivi, mettersi nei panni degli utenti, chiedersi che cosa cerchino su quel canale e come può l’hotel rispondere a queste richieste.
Analizziamo quali siano le attività più diffuse su Smartphone e ceselliamo le attività di marketing dell’hotel in base a queste:

  • Telefonare: Gli smartphone, nonostante le sempre crescenti funzionalità, sono pur sempre telefoni, e allora gli utenti li useranno per telefonare. Spesso chi cerca un hotel, o in particolare il vostro hotel su mobile, lo fa perché vuole contattarvi direttamente, dunque il vostro sito deve essere dotato di un tasto click-to-call. Allo stesso modo, per essere sempre a portata di telefono, investite in una campagna Adwords e dotate tutti i vostri annunci di estensioni di chiamata con click-to-call.
  • Cercare informazioni on the go: Google ha affermato che il 94% dei mobile user cerca informazioni local dal cellulare e che il 90% di queste ricerche viene seguito da un’azione. Ecco perché vi serve subito un sito ottimizzato mobile con booking engine apposito. In questo modo avrete maggiore possibilità di guadagnarvi un buon ranking sui motori di ricerca visualizzati da mobile e presidiare il social di geolocalizzazione. In più chi vi cerca mentre è in viaggio potrebbe voler sapere il vostro indirizzo preciso, le indicazioni per raggiungervi oppure se avete camere disponibili. Avete idea di cosa voglia dire cercare il numero di telefono di un hotel da cellulare su un sito per Desktop? Io l’ho provato e dopo dieci minuti di inutile lotta, ho lasciato perdere e ho prenotato dall’applicazione di Booking.com.
  • Cercare informazioni da casa: in una recente infografica diffusa da Wishpond, risulta che il 97% degli utenti Americani utilizza lo smartphone anche da casa. In questo caso il processo di ricerca di un hotel è lo stesso del desktop. Si cercano informazioni, si leggono recensioni, si compara sulle OTA e poi si finisce in molti casi sul sito ufficiale della struttura: fatevi trovare preparati, con un sito mobile veloce, usabile, dotato di belle foto, di offerte speciali e di booking engine.
  • Fare Social Media Activity: il mobile ha fatto salire alle stelle l’utilizzo di Facebook e Twitter, a cui si sono affiancati nuovi social network come Instagram e Foursquare. Ecco perché una buona strategia di mobile marketing non può esistere senza il social engagement: pianificate una pagina ufficiale su questi canali, presidiateli, fare customer service in tempo reale e offrite coupon o offerte speciali dedicati a questi utenti. Pensiamo solo alla visibilità che può darvi avere uno Special su Foursquare per chi fa check-in da voi, oppure un concorso ben congegnato via Instagram.
  • Leggere e inviare e-mail: sapevate che un Americano su tre ha dichiarato che l’e-mail è il fattore chiave che lo spinge a fare un acquisto da mobile? (fonte Intela.com) Secondo le più recenti statistiche, la percentuale di utenti per Paese che fruisce delle e-mail da smartphone è del 75% in USA, del 68% in UK e del 66% in Brasile, superando in ogni Paese in media sempre il 50%. Questo significa che se le vostre azioni marketing comprendono l’e-mail marketing dovete iniziare a pensare mobile e strutturare, graficamente e contenutisticamente, e-mail che siano perfettamente godibili dai cellulari di ultima generazione.  


La sesta ragione: le conversioni che ottenete passano anche da Mobile

C’è una sesta ragione, forse la più importante, che dovete conoscere per capire quanto sia importante oggi investire sul mobile.
Quella che stiamo vivendo è un’era in cui il passaggio da un device a un altro ha raggiunto una tale fluidità che non è più possibile ritenere un solo device responsabile di una conversione: Google da tempo sostiene che ogni processo web avviene ormai in una dimensione “multidevice”, un argomento che tratteremo di nuovo presto.
Secondo lo studio che Big G ha condotto co Ipsos e Sterling lo scorso anno, gli acquisti online avvengono per il 74% grazie a accessi successivi per lo più spontanei su più device, mobile e non.
Quello che vi consigliamo sempre per i Social Network vale anche per il mobile: dovete stare dove sono i vostri clienti. E oggi i vostri clienti sono tutti collegati via smartphone.

Voi cosa state facendo per rendere il vostro hotel mobile-friendly?

Seguici su

Dgnews in evidenza

Contattaci per un preventivo gratuito